COMUNICATO in relazione all’articolo “Divento Transgender”

In relazione all’articolo “Divento Transgender” pubblicato sabato 21 agosto sul Corriere di Siena leAssociazioni IREOS di Firenze e Movimento Pansessuale di Siena esprimono la loro perplessità per i concetti ed il tono utilizzato dal giornalista J.R.

Sicuramente è apprezzabile l’impegno nel rappresentare le difficoltà di un contesto come quello senese nell’accogliere e confrontarsi con persone che vivono una diversa identità di genere. Il giornalista, pur evidenziando il coraggio di chi intraprende un percorso di transizione di genere, confonde enormemente il concetto di orientamento sessuale (che ha a che fare con l’attrazione sessuale ed affettiva verso l’altro/a) con quello di identità di genere che riguarda la singola soggettività di ciascuno, il sentirsi (o meno) uomo o donna indipendentemente dal proprio orientamento sessuale. Gli stereotipi che colpiscono persone gay, lesbiche, bisessuali e trans nasce proprio da questa confusione che ci dispiace ritrovare ancora nel 2010. Come ancora si confonde una donna a tutti gli effetti con il termine transessuale che oltre ad essere obsoleto è per l’ennesima volta sostenuto da un articolo maschile riferito ad un genere femminile.

L’articolo invece che affrontare ed approfondire le reali difficoltà sociali delle persone trans, a partire dal rapporto con la famiglia, col mondo della scuola e del lavoro, dà ulteriore spazio al chiacchiericcio, ai sentito dire, ai “pettegolezzi di contrada” che adesso potranno dire “l’ha scritto anche il giornale…”

Cosa potranno pensare una giovane ragazza o un ragazzo omosessuali o trans nel leggere questo articolo?

Si rischia di alimentare la paura verso il futuro e la frattura con il proprio territorio, invece di incoraggiare le iniziative che la società civile e le Istituzioni cercando di realizzare per rendere Siena una città aperta ed accogliente come, da oltre venti anni e anche per merito del Movimento LGBTIQ, avviene in molti paesi della Comunità Europea.

Nella lotta contro l’omofobia e la transfobia, che nella nostra “piccola Italia” è ancora causa di violenza e morte, vorremmo trovare nei Media degli alleati. Per questo è importante richiamare alla responsabilità ed all’attenzione i professionisti della comunicazione, invitandoli a confrontarsi con le realtà associative che sono attive sul territorio e che possono dare un contributo importante nel raccontare una realtà complessa come quella senese.

MOVIMENTO PANSESSUALE

www.sienagay.net

IREOS

www.ireos.org (articolo)

LEGGI L’ARTICOLO USCITO SUL CORRIERE DI SIENA DEL 21 AGOSTO