A Livorno ci sono due papà

Valter (46 anni) e Mario (50 anni) sono diventati papà di David lo scorso 10 agosto e sono la prima famiglia omogenitoriale maschile di Livorno.
Il bambino è nato da un utero preso in affitto a San Diego negli Stati Uniti; la donna Amanda, messicana di origine e con già tre figli, non ha nessun diritto sul bambino ma è rimasta in contatto con la famiglia italiana per sapere come se la cavassero i due papà.
Mario e Valter sono una coppia da 24 anni e hanno deciso di sposarsi nel 2008, obbligati a spostarsi a Barcellona per poter concretizzare il loro sogno di essere sposati.
Problemi con l’omofobia non ne hanno avuto ma Mario ci ricorda che: “non c’è solo quella delle botte, c’è anche la negazione dei diritti. Io sono dovuto andare in Spagna per sposare mio marito, in America per far nascere mio figlio. Questa non e’ violenza? Eppure in Italia ci sono 100 mila bambini di coppie gay, 3 mila famiglie arcobaleno”.
E’ probabilmente questa la violenza più grande: per lo Stato italiano il padre di David è solo Valter visto che il seme con cui è stato concepito il piccolo è il suo.
A sostegno del riconoscimento giuridico delle famiglie omogenitoriali lotta quotidianamente l’associazione che raccoglie tutti i gay e le lesbiche che hanno figli, FAMIGLIE ARCOBALENO.

Per conoscer e meglio il mondo delle famiglie omogenitoriali, più propriamente conosciute come FAMIGLIE ARCOBALENO:
www.famigliearcobaleno.org