Presentazione dell’antologia “Le parole tra gli uomini”

Si è svolto ieri presso l’aula cinema della Facoltà di Lettere e Filosofia di Siena l’incontro promosso dal Movimento Pansessuale Arcigay Siena con la collaborazione di Incontrotesto per la presentazione dell’antologia “Le parole tra gli uomini”.

All’incontro hanno partecipato il curatore Luca Baldoni ed il prof. Guido Mazzoni dell’Università di Siena. La discussione è stata ampia ed i temi trattati sono stato molti; si è iniziato parlando delle difficoltà riscontrate per la pubblicazione di un simile lavoro che per primo in modo organico e completo raccoglie la tradizione italiana novecentesca sino ai giorni nostri in merito alla poesia gay.
Una tradizione ricca che finalmente oggi viene canonizzata e resa disponibile al grande pubblico attraverso uno sguardo diacronico che, da Saba sino a Marco Simonelli passando per Penna, Pasolini, Bellezza e Buffoni, l’attraversa tutta. Il prof. Mazzoni ha sottolineato la diversità che le liriche rappresentano in merito all’autopercezione dei diversi soggetti poetici partendo da una visione mediterranea dell’omosessualità, quella di inizio secolo, sino a giungere ad un idea di gay moderno vicino a quelle che sono le realtà occidentali e nordeuropee.

Si è in oltre parlato di vocabolario poetico e specifico in relazione all’amore omosessuale che, da erotico e fisico, si estende con il tempo sino a toccare temi politici ma anche intimi come la percezione della diversità e dell’omofobia. La partecipazione è stata numerosa e questo ha sottolineato l’importanza di simili dibattiti all’interno di istituzioni accademiche, quali l’università, specie in un paese come l’Italia in cui i gay and lesbian studies sono del tutto assente; in un periodo, come quello presente, in cui la questione dei diritti civili è al’ordine del giorno delle differenti agende politiche. La letteratura e la poesia intervengono anche in questi ambiti e danno il loro importante contributo rappresentando e descrivendo, attraverso l’arte, il presente e le sue problematicità.

Per questo il dialogo si è concluso superando i confini della sola poesia e ampliando la riflessione su temi riguardanti la società, i mutamenti culturali e la condizione del soggetto umano all’interno di un presente in forte mutamento ed evoluzione, in cui la comunità omosessuale è parte attiva e determinante. Un importante appuntamento quello di ieri 10 settembre al quale, visto l’interesse, la partecipazione, e la soddisfazione del Movimento e dei convenuti, seguiranno altri incontri in futuro per far in modo che a livello accademico e cittadino tali temi e tali questioni siano affrontate e dibattute in maniera approfondita e condivisa.