NOTA STAMPA – Arcigay Siena sullo spettacolo di Diego Fusaro

pubblicato in: News | 0

10/01/2020

Il gender non esiste ma c’è chi spende soldi pubblici a danno della cultura. Greta Sartarelli: “Dove è finito il civismo di De Mossi se si appoggiano le ideologie e non le progettualità strutturate?”

“Volevamo rassicurare tutti sul fatto che il gender non esiste – lo ha dichiarato anche l’Ordine degli Psicologi – esistono gli studi di genere che sono ben altra cosa. Quindi – contrariamente a quanto vorrebbero farci credere – il gender non è tra noi”. Greta Sartarelli, la presidente del Movimento Pansessuale – Arcigay Siena commenta così, con una battuta ironica ma anche amara, la notizia dell’arrivo a Siena dello spettacolo “Bibbiano, il gender è fra di noi” del filosofo Diego Fusaro che andrà in scena al Santa Maria della Scala il 16 gennaio dopo la presentazione del libro di Antonio Socci. “Se non fosse tragica per i risvolti che ha, questa vicenda sarebbe persino comica – tuona Sartarelli – perché è davvero grottesco che si spaccino per eventi culturali, iniziative che di culturale non hanno niente e che servono solo ad alimentare il pregiudizio, l’ignoranza, l’odio e la discriminazione nei confronti delle persone gay, lesbiche, bisex e trans*. Ma è ancora più paradossale che ciò avvenga utilizzando fondi pubblici di bilancio nel capitolo riguardante gli “interventi a sostegno dei minori” destinati al “rafforzamento delle politiche strutturali a sostegno della famiglia. I nostri soldi – i soldi dei cittadini senesi – sono stati utilizzati per sostenere un grande inganno e rafforzare una narrazione totalmente falsa su un presunto attacco alla famiglia “naturale” rappresentato dalle nostre vite e dai nostri amori. Il riferimento ai fatti di Bibbiano è del tutto strumentale e funzionale ad una logica di creazione del consenso, basata su bugie e mistificazioni. L’amministrazione De Mossi che riguardo all’uscita del Comune dalla Rete Ready aveva detto che gli “atti ideologici avrebbero albergato altrove” dimostra oggi di essere la casa di posizioni ideologiche becere che non hanno alcun fondamento di realtà”.

Si uniscono alla denuncia del Movimento Pansessuale: Arcigay Siena le seguenti associazioni e realtà politiche: Arci Siena, Anpi Provinciale Siena, Non Una di Meno – Siena, Atelier Vantaggio Donna, Associazione Archivio U.D.I. della Provincia di Siena, Centro Culturale delle donne Mara Meoni, Possibile LGBTI +, Conferenza Donne Democratiche Siena.

Condividi su:
Share