NOTA STAMPA – A Siena non c’è spazio per la cultura dell’odio

postato in: News | 0

Arcigay Siena-Movimento Pansessuale, Non una di Meno Siena, Arci, Anpi, Archivio Udi, Centro Mara Meoni, Conferenza delle donne democratiche di Siena, Coordinamento donne CGIL e SPI CGIL e Associazione Donna chiama Donna contro l’amministrazione che ha dato il patrocinio all’evento “L’ideologia del gender e i pericoli per i diritti delle donne e dei bambini”

Apprendiamo con rammarico e con rabbia la notizia che il Comune di Siena ha dato il proprio patrocinio all’evento dal titolo “L’ideologia del gender e i pericoli per i diritti delle donne e dei bambini”, una iniziativa verso la quale esprimiamo piena contrarietà e disappunto.

Sostenere con lo strumento del patrocinio pubblico iniziative come questa equivale a foraggiare l’operato di chi consapevolmente e colpevolmente diffonde fake news e informazioni senza fondamento scientifico offendendo la dignità delle persone LGBTQIA+* e seminando odio.

Con questa nota, intendiamo fare chiarezza sulla vera natura di iniziative come questa. La presunta “ideologia del gender” a cui si fa riferimento nel titolo dell’iniziativa è un’invenzione, una bufala costruita ad arte e concepita per screditare i progetti di educazione all’affettività promossi dalle nostre associazioni che quotidianamente si impegnano a costruire un mondo più aperto, inclusivo, accogliente e rispettoso delle differenze.

“L’ideologia gender”, dunque, non esiste. Esistono gli studi di genere, un campo di ricerca interdisciplinare consolidato anche in Italia che approfondisce le implicazioni socio-culturali legate alle identità di genere e ai ruoli di genere. Questo corpus di conoscenze accademiche fa tesoro delle elaborazioni e delle pratiche del movimento femminista e transfemminista ma anche delle lotte per i diritti civili e il riconoscimento della piena cittadinanza delle persone indipendentemente dalla loro razza/etnia, sesso, genere, disabilità e classe sociale.

Per amore di verità, i relatori e le relatrici dell’incontro dovrebbero spiegare una volta per tutte, in che modo l’autodeterminazione e la felicità delle persone LGBTQIA+* costituirebbe una minaccia per la società e in che modo l’estensione di diritti e opportunità a chi non ne ha, metterebbe in pericolo i diritti già acquisiti di donne e bambini. Inoltre, ci piacerebbe sapere con quali mezzi una minoranza discriminata, marginalizzata e non tutelata dalla legge può agire come una “dittatura”. Chi distorce le richieste di libertà ed uguaglianza della comunità LGBTQIA+* assumendo violente e inaccettabili posizioni trans-escludenti, nega i diritti di chi non ha voce per difendere i privilegi della cultura eterosessuale, cisgender, binaria, sessista e patriarcale di cui è espressione.

Gli inventori dell’ideologia gender parlano di censura alla propria libertà di espressione, ma nel diffondere pregiudizi e odio nei confronti delle persone LGBTQIA+* non si agisce alcuna libertà, si compie discriminazione. Piuttosto che di una fantomatica ed inesistente “ideologia gender” dovremmo avere il coraggio di parlare di omo-lesbo-bi-trans-a-fobia, degli atti di violenza, intimidazione e mobbing che le persone LGBTQIA+* subiscono ogni giorno in famiglia, a scuola e sui luoghi di lavoro. Sono troppe le persone trans* che diventano bersaglio di violenza e odio, le figlie e i figli delle famiglie arcobaleno a cui è negato pieno riconoscimento giuridico, le donne costrette a subire ricatti perché lo Stato non le sostiene abbastanza nei loro percorsi di fuoriuscita dalla violenza, le persone con disabilità che non accedono a spazi e servizi a cui avrebbero diritto. Invitiamo la città a boicottare l’evento per dare un chiaro segnale all’amministrazione che a Siena non c’è posto per chi promuove la cultura dell’odio.

Arcigay Siena-Movimento Pansessuale
Non una di Meno Siena
Arci Siena
Anpi Provinciale Siena
Associazione Archivio U.D.I. della Provincia di Siena
Centro Culturale delle donne Mara Meoni
Conferenza Donne Democratiche Siena
Coordinamento donne CGIL e SPI CGIL
Associazione Donna chiama Donna

Condividi su:
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.