SAPPIAMO CHE QUESTO GLOSSARIO NON È ESAUSTIVO PER TUTTE LE IDENTITÀ, ORIENTAMENTI E ESPRESSIONI DI SÉ ED È IN CONTINUA EVOLUZIONE

SENTITI LIBER* DI SCRIVERE A [email protected] PER AGGIUNGERE O MODIFICARE LE NOSTRE PAROLE

Alleato/Ally – In generale è usato per qualcuno che fa parte del gruppo dominante e difende i diritti di una minoranza. Un ally eterosessuale difende i diritti delle persone LGBTQ.

Allosessuale/Allo – Termine usato comunemente nella comunità asessuale per definire una persona non asessuale, che quindi prova attrazione fisica per almeno un genere.

Androgino – Persona dall’aspetto esteriore, modi ed espressioni identitarie che uniscono maschile e femminile.

Aroace – Combinazione di asessuale e aromantico.

Asessuale/Ace – Persona dall’orientamento sessuale caratterizzato dal non sentire attrazione sessuale per nessuno, a prescindere dal genere. Il termine non descrive ciò che un individuo decide di fare, bensì quello che prova. Le persone asessuali possono essere fortemente stigmatizzate in un contesto culturale ipersessualizzato.

Aromantico/Aro – Persona che non prova attrazione romantica. Le persone aromantiche sono soddisfatte dall’amicizia o da altri tipi di relazioni non romantiche.

Baby gay/lesbian/trans – Persona che è appena entrata nella comunità.

Bandiera arcobaleno – Simbolo dell’orgoglio della comunità dipinta nel 1978 da Gilbert Baker in occasione del Pride di San Francisco. Gli otto colori originali (rosa – sessualità, rosso – vita, arancione – salute, giallo – luce del sole, verde – natura, turchese – magia, blu – serenità, viola – spirito) negli anni si sono ridotti a sei (rosso, arancio, giallo, blu, turchese e viola).

Bear/Orso – Uomo dalla corporatura robusta, spesso peloso.

Bifobia – Avversione per le persone bisessuali. Usiamo il suffisso -fobia perché in italiano è ancora molto comune, ma vogliamo sottolineare che questo tipo di comportamenti non hanno nulla a che fare con la paura irrazionale, quindi preferiamo parlare di omobilesbotransnegatività.

Bio – Sinonimo di cis. Termine problematico perché implica che le persone trans non siano genuine.

Binario– Sistema sociale nel quale le persone vengono classificate secondo due categorie: maschio o femmina. Questo sistema ignora e “schiaccia” le persone intersessuali e transgender.

Bisessuale– Individuo attratto in maniera fisica o romantica da uomini e donne. Non è necessario aver fatto esperienze sessuali con entrambi i sessi per definirsi bisessuali e non ha a che vedere con stati di confusione o indecisione.

Bigender – Persona che si identifica con due identità e ruoli di genere.

Cisgender – Persone che si identificano e preformano il genere assegnato alla nascita. 

Cishet – Abbreviazione di cisgender heterosexual. Può avere valenza dispregiativa per alcune persone.

Coming out – Processo di accettazione della propria identità sessuale o di genere, orientamento, preferenza… nel quale la persona asserisce a se stessa e agli altri la propria specificità. Non è una semplice comunicazione esteriore (disclosure/autosvelamento), ma un cammino di autoaffermazione continuo, lungo e spesso doloroso. Dall’inglese “coming out from the closet” uscire dall’armadio.

Cross dressing (CD)– Indossare abiti che in un certo ambiente socio-culturale sono associati a un ruolo di genere diverso da quello assegnato. Può essere praticato in pubblico e in privato e non ha implicazioni sull’orientamento sessuale. Ha sostituito il termine Travestitismo.

Demigender – Persona che si identifica in parte con un identità di genere. Il termine include demigirl (identità in parte femminile) demiboy (identità in parte maschile) e altre: deminonbinary, demifluid, demiflux…

Demisessuale / Demi – È un orientamento sessuale e riguarda le persone che provano attrazione fisica solo quando c’è un forte legame emotivo.

Depatologizzazione – L’omosessualità è stata tolta dal DSM Diagnostic and Statistical manual of Mental Disorder nel 1973 e dalle direttive dell’OMS negli anni ‘80/’90, prima di allora era considerata una malattia mentale.

Drag Queen/Drag King/Drag – Forma di espressione artistica in cui si indossano costumi estremamente appariscenti e ricercati, spesso appartenenti a un altro genere dal proprio. Non ha implicazioni sull’identità di genere.

Enby – Viene da NB, abbreviazione di Non-Binary. Indica una persona che non si riconosce nel binarismo di genere. Alcune persone nonbinarie non apprezzano il termine perché sembra infantilizzante.

Espressione di genere – le modalità con una persona esprime il suo genere attraverso comportamenti, caratteristiche fisiche, abbigliamento ecc. 

Eterosessismo –Sistema ideologico discriminatorio verso identità e comportamenti non eterosessuali.

Eterosessuale – Persona attratta da individui di genere diverso dal proprio.

F2M o FtM – Female to Male – Transizione dal femminile al maschile. Si parla di uomo trans.

Femboy – Persona di sesso maschile con caratteristiche fisiche e comportamenti di genere più femminili.

Femme –Termine nato nella comunità lesbica usato per descrivere l’espressione di genere femminile. Nasce nella cultura lesbica degni anni ’50 e associato a Butch, viene considerato un replicare l’idea di coppia binaria, stereotipata e eteronormata.

Gay – Termine che nell’ottocento in inglese era riferito a prostitute – gay woman (donnina allegra), nel secolo scorso ha iniziato a riferirsi in termini denigratori agli uomini. Nel contesto contemporaneo il termine è usato per le persone che hanno un’attrazione fisica, sessuale o emotiva verso persone dello stesso sesso. Le donne preferiscono il termine lesbica.
Il termine omosessuale è invece sempre meno gradito se non considerato fastidioso come termine clinico è obsoleto e legato alla patologizzazione.

Gender – Costrutto sociale con il quale si classificano le persone in maschi e femmine.

Gender non conforming GNC – Persona che sfugge dall’espressione o ruolo di genere che la società si aspetta. Gender queer (persona che ha un’identità e/o espressione di genere che non rientra nel binarismo della norma sociale uomo/donna Gender variant (persona che varia rispetto alle caratteristiche del genere assegnato) Agender (non si identifica con alcuna identità) Genderfluid (chi sente la sua identità di genere come qualcosa di fluido). Genderflux – Termine ombrello per le identità di genere che cambiano in una persona col passare del tempo.

Genderismo – La credenza che debbano esistere soltanto due generi maschile e femminile assegnati alla nascita. In una cultura genderista o cissessista le persone di genere non conforme sono oppresse.

Grey – Persona che ricade all’interno dello spettro asessuale ma non si identifica con una delle altre etichette.

Identità sessuale – Come una persona sente e pensa se stessa dal punto di vista della sua sessualità. L’identità sessuale ha infinite sfumature e cambia nel tempo. Componenti dell’identità sessuale sono: il sesso biologico, l’identità di genere, il ruolo di genere, l’orientamento sessuale.

Identità di genere – È il senso che la persona ha del proprio genere, il genere maschile o femminile con il quale si identifica che può essere o meno allineato con il sesso di nascita. L’identità di genere non c’entra con l’orientamento sessuale.

Intersessuale/Intersex –Persona che sviluppa naturalmente caratteristiche sessuali atipiche che coinvolgo i genitali esterni, gli organi riproduttivi interni, i cromosomi sessuali e/o gli ormoni sessuali. Spesso i bambini e le bambine visibilmente intersessuali vengono operati/e alla nascita. La parola ha sostituito ermafrodita che è offensivo e inesatto perché significa avere entrambi i sessi, che non è necessariamente vero in quanto vi sono decine di condizioni mediche che possono portare a uno sviluppo atipico delle caratteristiche sessuali.

Lesbica – Una donna attratta in maniera fisica, romantica e/o emotiva esclusivamente da donne.

LGBTQIA – Acronimo riferito alle minoranze sessuali: (dall’inglese) Lesbian, Gay/Gender Neutral/Gender Queer, Bisexual/Bigender, Transgender/Transvestite/Transsexual, Questioning/Queer, Intersex, Allies/Androgynous/Asexual. In italiano: Lesbiche – Gay – Bisessuali – Intersessuali – Asessuali, spesso si trova il più semplice LGBT.

Lipstick lesbian – Indica una lesbica che presenta molti attribuiti di genere femminile come il trucco (appunto lipstick =rossetto) e l’abbigliamento. 

Masc4Masc – Sigla che indica la preferenza per uomini non effeminati da parte di altri uomini.

M2F o MtF – Male to Female – Transizione dal maschile al femminile. Si parla di donna Trans.

Med/Non Med – Abbreviazione della condizione trans medicalizzata/non medicalizzata.

MLM/men loving men – Sigla per indicare gli uomini che amano uomini.

Minoranze – GSM (Gender and Sexual Minorities), GSSM (Gender, Sexual and Sexuality Minorities) GSRM (Gender, Sexual and Romantic Minorities), GSD (Gender and Sexual Diversity) SGM (Sexual and Gender Minority)

Minority Stress/Stress da minoranza – Forma di stress cronico che subiscono le persone appartenenti a minoranze stigmatizzate

Misgendering – Attribuire un genere a qualcuno in maniera errata, può succedere quando si usa un linguaggio genderizzato (es. “buonasera signore”, “visto che qui siamo tutte donne possiamo capire che…”) 

Neutro – Identità di genere non binaria che esce fuori dall’ombrello genderqueer o transgender.

Non-binary/Non binario – Identità e espressione di genere che per definizione esce fuori dai binari e si allarga a un modo di essere ricco e ampio.  

Omnisessuale – Persona interessata e attratta da tutto lo spettro dei generi.

Omofobia – Il termine nasce negli anni ’70 per indicare la paura/ansia generata dal trovarsi in presenza di persone omosessuali. Negli anni il concetto di paura ha lasciato spazio a quello di avversione e disgusto. Si preferisce quindi parlare di omonegatività che enfatizza anche le componenti socio culturali di intolleranza.

Omofobia interiorizzata – Pregiudizio interno. L’adesione della persona a stereotipi, credenze e pregiudizi della sua cultura di appartenenza, può portare verso opinioni e sentimenti negativi verso le altre persone LGBT e verso se stessa.

Orientamento sessuale – Attrazione fisica, romantica o emotiva verso altre persone del proprio o altro sesso. Anche l’asessualità è un orientamento sessuale. Il termine preferenza è considerato inadatto perché lascia presupporre che l’orientamento sessuale sia una scelta e in quanto tale modificabile o “curabile”…

Outing – Dichiarare pubblicamente l’orientamento o l’identità di genere di un’altra persona senza il suo consenso. L’outing è una forma di violenza.

Passing – La capacità di apparire di un certo genere desiderato.

Pansessuale – Alla lettera (dal greco pan = tutto) si definiscono pansessuali le persone che possono essere attratte da un’altra persona indipendentemente dall’orientamento sessoaffettivo e dall’identità di genere. Per noi ha la valenza di esprimere inclusione verso tutte le identità e soggettività.

Poliamore – Forma di amore aperta in maniera consensuale a più relazioni contemporaneamente.

Polisessuale – Persona che prova attrazione verso persone di più di un genere.

Queer – Alla lettera strano, eccentrico, per estensione tutto ciò che esula dalla norma eterocentrica. Nasce come parola offensiva, è stata adottata dalla comunità LGBT come termine che raccoglie le persone che non vogliono stare nella tradizionale definizione binaria della loro identità. È un termine elastico ma controverso perché in ambiente anglofono sentito talvolta ancora come offensivo. La teoria queer presuppone che genere e identità non siano fissi e quindi etichettabili.

Questioning – Processo di esplorazione della propria identità di genere o orientamento sessuale. Alcune persone usano questo termine per identificarsi.

Ruolo di genere – Concetto socio-culturale molto forte che riguarda aspettative sui ruoli e comportamenti corrispondenti al genere maschile e femminile in un certo gruppo sociale.

Sesso biologico – Termine scientifico usato per classificare gli individui in base a caratteristiche cromosomiche, ormonali, genitali.

Stigma sessuale – Stigma è sinonimo di marchio, segno distintivo, in riferimento alla disapprovazione sociale di alcune caratteristiche personali riferite all’identità sessuale.

Stonewall – Nella notte tra il 27 e il 28 giugno 1969 nel locale Stonewall Inn a New York, in seguito a irruzioni della polizia, ci furono violenti scontri. L’episodio è considerato come la nascita del movimento di liberazione gay e ricordato ancora oggi con tutti i Pride e il 28 giugno è per questo la giornata mondiale dell’orgoglio LGBT.

Studi di genere/gender studies – Ambito di ricerca interdisciplinare che studia l’identità di genere 

T – Abbreviazione di trans che è abbreviazione di transgender… siamo una comunità sintetica 

T-DoR (Transgender day of remembrance) – Il 20 novembre è la giornata commemorativa istituita nel 1999 da Gwendoline Ann Smith in ricordo di Rita Hester brutalmente uccisa nel novembre del 1998 a Boston e tradita anche dalla famiglia che non le volle riconoscere l’identità femminile neanche dopo la morte.

Teoria del gender – È una locuzione, nata in ambito cattolico negli anni novanta, per riferirsi in modo critico agli studi di genere (gender studies). Con questa ideologia viene teorizzato un presunto complotto dei movimenti femministi e LGBT atto a distruggere la famiglia tradizionale minando l’ordine naturale di separazione trai generi maschio e femmina su cui si fonda la società.

Transfobia – Avversione per le persone di genere non conforme alle logiche binarie. Questa stigmatizzazione può portare a discriminazioni e arrivare fino alla violenza.

Transessuale – È la condizione di chi, identificandosi con un genere diverso dal proprio sesso di nascita, modifica il suo corpo (con interventi ormonali e chirurgici) per armonizzarlo con il suo senso di genere. Solo in Italia è rimasto questo modo di differenziare la condizione medicalizzata ed evidenziare così un presunto punto di arrivo.

Transgender – È un termine che copre tutte le persone che si identificano in un genere diverso da quello assegnato alla nascita. La coerenza tra sesso, genere, ruolo di genere e orientamento sessuale è un postulato culturale, infatti le persone transgender possono decidere o meno di modificare il proprio corpo, sfuggendo al binarismo sessuale.

WLW/women loving women – Donne che amano donne

Condividi su:
Share